Dieta o non dieta…. Fatti consigliare!

Il Medico Dietologo valuta la giusta quantità e la miglior qualità di elementi nutritivi quali vitamine, carboidrati, grassi e proteine da fornire a tutto il corpo. Molti non credono nel potenziale dell’alimentazione e sottovalutano o addirittura ignorano i danni che una alimentazione sbagliata e sconsiderata può apportare al proprio organismo. Dopo anni di esperienza e di studio e una visita medica approfondita, vi potrei infondere  un dubbio riguardo la vostra attuale alimentazione e portarvi verso una vita sana e priva di disturbi.

Prima di tutto l’uomo è ciò che mangia: se gli alimenti che ingeriamo contengono sostanza nocive, subiscono trattamenti che possano cambiarne il valore nutritivo, noi ingeriamo alimenti modificati rispetto a quello che il nostro corpo è in grado di metabolizzare e gestire autonomamente; spesso il nostro organismo si trova quindi in difficoltà al momento della digestione e dell’assimilazione di cibi ‘trasformati’ provocando sovrappeso, obesità, infiammazione e malattie croniche – degenerative, o anche semplici disturbi psico-fisici.

Esistono le piramidi alimentari mediterranea, vegetariana e vegana che possono aiutare chiunque a valutare quali alimenti  prediligere in quantità rispetto ad altri; ma esistono anche semplici regole che il nostro corpo conosce; ci avverte se stiamo ingerendo qualcosa di nocivo provocandoci dei disturbi immediati, nonostante spesso non ascoltiamo (le seguenti regole valgono in linea di massima per persona sana, onnivora)

  • Preferire sempre il pesce fresco e la carne bianca fresca  alla carne rossa ed evitare carni e pesci trasformati (insaccati, salumi, scatolati)
  • Scegliere carboidrati complessi e integrali di qualità al posto dei carboidrati semplici (meno zucchero, anche di canna, meno miele, evitando i dolci confezionati)
  • Abbondare con ortaggi e frutta ben matura e di stagione (almeno 5 porzioni al giorno, preferibilmente cruda, salvo diversa indicazione)
  • Limitare l’uso di condimenti: ridurre il sale e utilizzare solo olio extravergine d’ oliva a crudo, utilizzare metodi di cottura che limitino l’uso di oli e condimenti (forno, pentola a pressione, padelle antiaderenti, cottura a vapore)
  • Limitare fino ad evitare i prodotti concaffeina e l’abuso di alcool e superalcolici
  • Aumentare l’uso dei legumi (piselli, fave, fagiolini, fagioli di ogni tipo, ceci, lenticchie, fagioli di soja) nella cucina di tutti i giorni alternando proteine vegetali e animali nella stessa giornata
  • Ridurre l’utilizzo delle proteine animali (carne, pesce, uova e latticini) favorendo l’inserimento delle proteine vegetali (cereali integrali, quinoa, bulgur, amaranto, miglio, avena, legumi, canapa, teff, secondi vegetali ricavati da legumi come il tofu o i falafel, secondi vegetali ricavati da cereali come il seitan )

Già così facendo si riducono le probabilità di malattie cronico-degenerative, di sovrappeso e obesità e di rischio cardiovascolare, soprattutto nei bambini che sono spesso sottoposti a regimi alimentari monotoni e molto iperproteici e contenenti troppi zuccheri semplici.

Una dieta, non deve per forza significare privazione, ma facendosi consigliare da un professionista esperto, può diventare un modo per migliorare la qualità di vita e gli stili di vita di tutta la famiglia, partendo dalla tavola. Per questo, quando sono presenti in particolare malattie o sintomi disturbanti è importante farsi consigliare sempre da un esperto su quali cibi possono evitare ricadute o peggiorare la situazione.Attraverso test genetici nutrizionali o test ematici posso eseguire una visita completa, couselling degli stili di vita e attraverso un programma integrato potrò seguirvi nel percorso di recupero della vostra salute!

Immagini:

Piramide alimentare mediterranea

Per informazioni (pubblicità)

Scrivi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *